Rivista di Ornitologia e Birdgardening

"Picus", la rivista del CISNIAR

Picus, la rivista nazionale edita dal CISNIAR, pubblica articoli inediti riguardanti ricerche nel campo dell'ornitologia, privilegiando le indagini relative all'ecologia, alla distribuzione e alla biologia dell'avifauna italiana; ospita inoltre diverse rubriche di Ornitologia pratica, di Birdgardening e di Birdwatching, guide al riconoscimento, recensioni e il notiziario delle attività del CISNIAR, del GOL, dell'AsOER, dell'ASOIM, del GPSO e del COT.

"Picus", edito dal 1991 in collaborazione con il Gruppo Ornitologico Lombardo (GOL - ONLUS), è oggi una tra le più diffuse riviste italiane del settore. Dal 2006 Picus ospita i lavori e le comunicazioni dell'AsOER (Associazione Ornitologi dell'Emilia Romagna), dal 2008 dell'ASOIM (Associazione Studi Ornitologici Italia Meridionale Onlus), dal 2009 del GPSO (Gruppo Piemontese Studi Ornitologici "F.A. Bonelli" Onlus e dal 2011 ospita i lavori e le comunicazioni del COT (Centro Ornitologico Toscano).

Autorizzazione del Tribunale di Modena n. 743 del 09/01/1984

Con l’uscita del numero 80 Picus inizia la progressiva pubblicazione dei PDF integrali degli arretrati a partire dal n.67. Sfoglia gli arretrati

In questo numero trovi:

Picus n.82 (Luglio - Dicembre 2016)

Check–list dell’avifauna della piana del Dragone (Volturara Irpina – Avellino)

ALESSIO BECUCCI * E MAURIZIO FRAISSINET °

*Via Vincenzo Vitale, 109, ATRIPALDA (AV) - E-mail: alessio.bi@libero.it

°ASOIM Onlus, Via Bachelet 16, 80046 SAN GIORGIO A CREMANO (NA)

Keywords: Check–list, Avifauna, Piana del Dragone, Regional Park of Monti Picentini, South Italy

Abstract: Avifauna’s check–list of the Piana del Dragone (Volturara Irpina, S. Italy) Piana del Dragone (600 m.s.l. and 200 ha) is IWC biotope situated in the Regional Park of Picentini Mountains. We report the preliminary check – list of the birds recorded in the area in two years with weekly visit: 121 species of which 62 breeding. Among these 18 non - Passerines (29%) and 44 Passerines (70,9%); NP/P=0,40. 5 species are SPEC 2, 12 SPEC 3, 16 NON SPEC E and 1 NON SPEC E W

Riassunto: Viene presentata la prima check–list dell’avifauna della Piana del Dragone, un biotopo IWC esteso per 200 ettari e situato nel Parco Regionale dei Monti Picentini. Sono state censite 121 specie, di cui 62 nidificanti: 18 non Passeriformi (29%) e 44 Passeriformi (70,9%), per un rapporto NP/P di 0,40. 5 specie sono risultate SPEC 2, 12 SPEC 3, 16 NON SPEC E ed 1 NON SPEC E W.

Primi dati sui rapaci notturni nidificanti nella piana di Firenze-Prato-Pistoia

MARCO CORTI, MARCO LEBBORONI & LUIGI MALFATTI
Centro Ornitologico Toscano, CP 470 - 57100 LIVORNO (LI)
E-mail: segreteria@centrornitologicotoscano.org

Keywords: Asio otus, Athene noctua, Otus scops, Strix aluco, Tyto alba, Breeding, Florence, Tuscany, Central Italy

Abstract: Monitoring of breeding nocturnal raptors in the Firenze-Prato-Pistoia plain: preliminary results. In the framework of the Atlas of breeding birds of the Firenze-Prato-Pistoia plain, a survey of breeding nocturnal raptors provided the following values of minimum density expressed as territories/100kmq: Little Owl=26, Barn Owl=8, Long-eared Owl=5; Scops Owl and Tawny Owl were detected in two and one unit, respectively. These preliminary data show unexpected population sizes for this group, for which only scanty information was available for the study area so far.

Comunità ornitiche urbane nidificanti nelle Alpi Carniche e Giulie e nella pianura friulana

GIANLUCA RASSATI *
*Via Udine 9 - 33028 TOLMEZZO (UD) E-mail: itassar@tiscali.it

Keywords: Breeding bird community, Urban area, Carnic Alps, Julian Alps, Friulan plain, Friuli-Venezia Giulia, North-eastern Italy

Abstract: Urban breeding bird communities in the Carnic and Julian Alps and in the Friulan plain (North-Eastern Italy) The Author carried out a survey of the breeding bird community, using the line transect method, at 39 urban localities ( 36 in Friuli-Venezia Giulia, 1 in Veneto, 1 in Austria, 1 in Slovenia) in 2012. Fifty-three species were recorded, 11 of wich non-passerines. Five species were find in all the localities: Barn Swallow Hirundo rustica, House Martin Delichon urbica, Blackbird Turdus merula, Sparrow CHE SPECIE è LA PASSERA? D’ITALIA, MATTUGIA,..? Ho aggiunto io i nomi scientifici, Serin Serinus serinus. Two thirds of the species were found at both Alpine and lowland localities. Some elements that increase the urban system complexity and the bird diversity are pointed out: farmland and woodland intermixed with the developed zone; water courses; parks and gardens with old trees, uncultivated zones and abandoned buildings. Finally, we need to stress that also in intensely anthropized areas there are structured and complex bird communities which need to be preserved.

Riassunto: Nel corso del 2012 è stata condotta una ricerca, utilizzando il metodo del transetto, in 39 località urbane di cui 36 in Friuli-Venezia Giulia, una in Veneto, una in Austria, una in Slovenia, mirante ad individuare la comunità ornitica nidificante. Sono state rilevate 53 specie di cui 11 non Passeriformes. Cinque specie sono state trovate in tutte le località: Rondine, Balestruccio, Merlo, Passera VEDI SOPRA!!, Verzellino. Due terzi delle specie erano in comune fra le località alpine e quelle planiziali. È stata verificata l’importanza di alcuni elementi che aumentano la complessità del sistema urbano e la diversità ornitica: compenetrazione fra campagna e bosco, e zona edificata; corsi d’acqua; parchi e giardini con vecchi alberi, zone incolte ed edifici abbandonati. Si conclude evidenziando che pure in aree pesantemente condizionate dall’uomo vi sono comunità ornitiche strutturate e complesse, che devono essere preservate.

Prima nidificazione nota di oca egiziana Alopochen aegyptiacus in Italia centrale

FILIPPO CECCOLINI *

*Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze, Sezione di Zoologia “La Specola”, Via Romana 17 - 50125 FIRENZE. E-mail: ceccolinif@virgilio.it

Keywords: Egyptian Goose, Alopochen aegyptiacus, breeding, Tuscany

Abstract: First breeding record of Egyptian Goose Alopochen aegyptiacus in Central Italy The first breeding instance of Egyptian Goose Alopochen aegyptiacus in Central Italy happened in Tuscany, at Pontassieve, in the province of Florence. Two adults with chicks were observed in two different years.

Riassunto: Con il presente contributo viene segnalato il primo caso accertato di nidificazione di Oca egiziana Alopochen aegyptiacus in Italia centrale. Il sito di nidificazione è stato individuato a Pontassieve, in provincia di Firenze, e adulti con pulli sono stati osservati in due anni differenti.

Comportamenti alimentari di alcune specie ornitiche che si nutrono di noci

LEONARDO MOSTINI *
*Via Vittorio Veneto, 8 – 28071 BORGOLAVEZZARO (NO)
E-mail: mostinileon@gmail.com

Keywords: Feeding behaviors, birds, Juglans regia

Abstract: Feeding behaviors of some bird species who eat English Walnut Juglans regia nuts.This paper describes feeding behaviors of some bird species which eat English Walnut Juglans regia nuts; all observations were performed in Piedmont and Lombardy (N Italy), and partly in Holland (Noord Brabant).

Rapporto sullo status del Lanario Falco biarmicus feldeggii in Toscana 2014-2016

PEZZO F. *, G. CHIANCIANESI, S. CUTINI, F. FABBRIZZI, G. GRILLI, R. NARDI & G. PAESANI
COT - CENTRO ORNITOLOGICO TOSCANO, CP 470, 57100 Livorno.
*E-mail: pezzof@alice.it

Keywords: Lanner falcon, Falco biarmicus, conservation, Tuscany, breeding success

Riassunto: La popolazione nidificante di Lanario Falco biarmicus feldeggii in Toscana è stata censita durante gli anni 2014, 2015 e 2016. Sono stati monitorati i siti nei quali era nota la nidificazione in passato, e sono state compiuti sopralluoghi per individuare eventuali nuovi nidi. La nidificazione nei tre anni è stata riscontrata in 6-8 siti, ma solo in 3-5 è stata osservata la presenza di pulcini. Il successo riproduttivo medio nei tre anni è stato di 1,04 pulcini per coppia e di 0,7 nel 2016, quando solo 2 coppie hanno portato pulcini all’involo. Sia la consistenza che la produttività della popolazione hanno mostrato una tendenza alla diminuzione e attualmente la popolazione risulta dimezzata rispetto alla stima effettuata nel 2003. È stato accertato un caso di disturbo da fotografia naturalistica e due da taglio del bosco in prossimità del nido. Sono stati anche osservati tre casi di scomparsa di pulcini dal nido, probabilmente dovuti a depredazione per scopi di falconeria. Inoltre la presenza del Falco pellegrino, attualmente in espansione in Toscana, è aumentata nei siti frequentati dal Lanario nel periodo di osservazione. L’adozione di efficaci misure di protezione sito-specifiche appare ormai improcrastinabile visto il concreto rischio di estinzione della specie in Toscana.

Abstract: Report on the state of the Lanner falcon Falco biarmicus feldeggii in Tuscany The census of the breeding population of Lanner Falcon Falco biarmicus feldeggii in Tuscany (central Italy), was carried out in 2014, 2015 and 2016. The breeding sites where reproduction had been ascertained in the past were monitored, and suitable sites were searched for new nests. During the three years, breeding was observed in 6-8 sites, and chicks in 3-5 nests only. Mean breeding success was 1.04 chicks per pair during the three years, and only 0.7 in 2016, when only 2 pairs produced fully-fledged flying chicks. Both population size and productivity showed decreasing trends, and in 2016 the population appears half the size estimated in 2003. In one instance the nest was disturbed by photographers, and two other by the cutting of nearby woods. In three cases the chicks disappeared from the nest, possibly due to nest depredation for falconry purposes. Furthermore, the presence of Peregrine Falcon, currently in expansion in Tuscany, increased in the Lanner’s historical sites in the study period. The adoption of effective site-specific conservation actions is absolutely needed, to avoid the danger of extinction of the Lanner in Tuscany.

Situazione critica per il Fratino Charadrius alexandrinus nidificante in Toscana

LUCA PUGLISI * & ENRICO MESCHINI *
*Centro Ornitologico Toscano, CP 470, 57100 LIVORNO
E-mail: direttore@centrornitologicotoscano.org

Keywords: Charadrius alexandrinus, population decline, Tuscany, conservation

Riassunto: La popolazione toscana di Fratino Charadrius alexandrinus ha fatto registrare nel 2016 un declino del 30% rispetto all’anno precedente. Nel periodo aprile-maggio sono state rilevate complessivamente 22 coppie in appena 5 tratti di litorale e in nessuna nelle zone umide o in altre situazioni. Nel mese di giugno sono stati osservati solo 16 pulli (<1 pullo/coppia). I dati raccolti confermano la criticità della situazione del Fratino in Toscana: la permanenza della popolazione pare oramai dipendere principalmente dalla sopravvivenza degli adulti.

Abstract: Critical situation for the Kentish plover Charadrius alexandrinus breeding in Tuscany The Tuscan population of breeding Kentish plover decreased by 30% in 2016 with respect to the previous year. Twenty-two pairs were found, all in 5 coastal stretches only, and none in wetlands or other sites. We observed only 16 hatchlings in June, less than 1/pair. The critical situation for the species in Tuscany is confirmed, and the preservation of this population appears to depend mainly on adult survival.

Nidificazioni di Smergo maggiore Mergus merganser in zona alpina friulana

GIANLUCA RASSATI *
*Via Udine 9 - 33028 TOLMEZZO (UD) - E-mail: itassar@tiscali.it

Keywords: Mergus merganser, Breeding, Habitat, Fella river, Eastern Alps, Friuli-Venezia Giulia, North- eastern Italy

Abstract: Reproduction of Goosander Mergus merganser in the Friulan Alpine zone (Eastern Alps, North-eastern Italy). The first cases of breeding of Goosander in the Friulan Alpine zone were reported. These are the northernmost and at the highest altitude breeding events recorded in Italy; and support the hypothesis of a population increase and of an expansion of the Italian breeding range in connection with the Austrian one.