La sezione di Scienze della terra

La sezione Scienze della Terra si occupa di paleontologia, mineralogia e petrografia locale. Nelle sue raccolte spiccano alcuni importanti e rari reperti fossili dei periodi più antichi rinvenibili nel Modenese, quali ammoniti, spugne e tracce di vita di organismi vissuti nel Cretaceo, oltre 60 milioni di anni fa.

Ben rappresentati sono i reperti dei periodi più recenti, qui grazie alla donazione di alcune importanti raccolte, come la collezione Brandoli; sono conservati numerosi fossili del Modenese e delle province limitrofe, quali molluschi, pesci, coralli, crostacei e resti vegetali.

La sezione mineralogica, grazie al contributo delle raccolte Affranti e Malavolti, possiede una delle più importanti e complete collezioni di minerali del nostro territorio.

Nelle sale espositive è inoltre possibile seguire la dinamica che ha portato alla formazione dei vari tipi di rocce che costituiscono la crosta terrestre (vulcaniche, sedimentarie, metamorfiche), con numerosi esempi di rocce italiane, per passare poi all'esposizione dei fossili e dei processi di fossilizzazione che hanno permesso la loro conservazione fino ai giorni nostri.